fbpx

La curcuma, preziosa non solo in cucina… dalla tintura al gioco

Quando si parla di sostenibilità con riferimento all abbigliamento, si parla dell’origine di filati e tessuti e delle condizioni in cui i nostri abiti vengono prodotti. Spesso però ci si dimentica di un passaggio molto importante del processo, la tintura. La qualità dei prodotti utilizzati per tingere i tessuti è essenziale perché queste sostanze entrano in contatto diretto con la nostra pelle. Il progetto ‘Le Tintine’ nasce proprio dal desiderio di eliminare dai capi che scegliamo per i nostri piccoli le sostanze chimiche potenzialmente nocive, riscoprendo le tecniche dell’antica arte tintoria. Un esempio è l’utilizzo della curcuma per tingere di giallo i nostri vestitini, cardigan e copertine. Questa spezia che ricorda così tanto il colore del sole, trova applicazione dalla cucina ai settori legati all abbigliamento passando per la medicina.

 

Gli effetti medicali della curcuma

Indispensabile per quella tradizionale, ormai anche la medicina moderna ne riconosce le notevoli proprietà come rimedio medicale. La curcuma e il suo principale principio attivo, la curcumina, infatti, hanno proprietà antiossidanti e digestive. Funzionano come disintossicante per il fegato perchè favoriscono la digestione dei grassi e attualmente si stanno studiando gli effetti antiossidanti e antinfiammatori che la curcumina svilupperebbe a livello del metabolismo cellulare. 

 

Solo per fare un esempio, un bicchiere di latte – anche vegetale – con mezzo cucchiaino di pasta di curcuma disciolto ci aiuta in caso di raffreddamento e mal di gola. Bere per un mese questo rimedio aiuta ad alleviare i dolori articolari dovuti all’età e le infiammazioni croniche e occasionali. Se volete sapere anche come l’abbigliamento giusto può difendere i nostri piccoli da questi inconvenienti di stagione, ne abbiamo parlato qui .

 

La curcuma in cucina

La curcuma, che molti di noi avranno in cucina sotto forma di polvere, appartiene alla stessa famiglia dello zenzero. E proprio come lo zenzero, non è una radice – anche se nella sua forma disidratata può sembrarlo – ma si produce dal rizoma di un fiore. Utilizzata dall’uomo da tempo immemore, proviene dall’India che ne è ancora uno dei maggiori produttori e utilizzatori. Il suo aroma terroso e leggermente pungente ha la proprietà di amalgamare i sapori. Per questo, fin dall’antichità è stata utilizzata in oriente e medioriente come spezia per insaporire ogni tipo di piatto, dal riso ai legumi, alla carne e al pesce. La curcuma però ha anche un effetto anticoagulante. Quindi durante la gravidanza e l’allattamento è sempre meglio consultare il medico per valutarne l’utilizzo.

 

La curcuma per la cosmetica

Per le sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e antiossidanti, la polvere ottenuta dalla curcuma è perfetta per molteplici preparazioni cosmetiche. Per il corpo, è possibile ottenere un ottimo idratante naturale a base di curcuma, olio di mandorle dolci e olio di Argan. Dopo aver fatto riposare l’olio per 48 ore, potrà essere utilizzato su tutto il corpo per avere una pelle più luminosa, idratata, tonica.

 

Una maschera a base di olio (di jojoba, d’oliva o di cocco) e curcuma, da massaggiare sul cuoio capelluto e da lasciare in posa per 15 minuti, è ottima per idratare cuoio capelluto e lunghezze. Sempre per i capelli, le spezie trovano un preziosissimo impiego nelle tinture sostituendo in molti prodotti tutti i componenti chimici. La curcuma in particolare ha il potere di schiarire i capelli con un risultato estremamente naturale.

 

L’arte di tingere i tessuti con i frutti della natura 

Queste caratteristiche potrebbero bastare a spiegare perché preferiamo utilizzare sostanze naturali per tingere i nostri prodotti. I prodotti di origine chimica utilizzati nell’industria tessile a lungo andare potrebbero causare dermatiti e allergie ai nostri piccoli ma anche a noi adulti. La curcuma, invece, non solo non fa male ma con le sue caratteristiche positive diventa un alleato preziosissimo.

 

Come altre spezie, la curcuma è utilizzata come tintura naturale fin dall’antichità. Prima dell’avvento dei coloranti sintetici, infatti, per la tintura dei tessuti venivano utilizzati decotti di piante, erbe e radici. Noi abbiamo voluto riscoprire questo processo con l’aiuto di Sandra, esperta di erbe tintorie, che coltiva le sue piante sulle colline marchigiane. E’ lì che arrivano i nostri capi, fino a quel momento privi di colorazione, per assumere i loro colori caratteristici.

 

Quello che segue è un processo quasi alchemico. Ma nessuna magia, solo la natura che ci offre i suoi strumenti. Poi, un pentolone colmo d’acqua sul fuoco, sale o bicarbonato e almeno 24 ore di attesa. A questo punto il tessuto è pronto per essere immerso nel decotto ottenuto dalla bollitura o dalla macerazione delle materie prime. Può trattarsi di fiori, bacche o frutti, in base al colore che si intende ottenere. La tintura naturale utilizza solo elementi presenti in natura. Il processo, quindi, non produce scorie e inquinamento come i normali processi chimici della tintura industriale. 

 

La collezione Giallo Curcuma ‘Le Tintine’

Il giallo vivace e intenso dei nostri capi è ottenuto dall’unione tra la curcuma e la pianta di ginestra. La curcuma, grazie al suo intenso colore giallo/arancio, dona una tonalità molto viva e calda. La resa del colore, però, può variare in maniera considerevole in base alla stagione e al luogo di provenienza della pianta. Abbiniamo la ginestra alla curcuma per aggiungere una tonalità più dolce e ottenere così un giallo pulcino un po’ meno brillante e più adatto ai nostri piccoli. La tonalità che ne risulta è molto adatta ai mesi estivi, ma richiama anche le calde sfumature autunnali che tanto invogliano ancora a giocare all’aria aperta. 

 

La colorazione naturale è un processo che richiede molteplici passaggi, e la pazienza di seguire i ritmi della Natura. Essa ci fornisce quello di cui abbiamo bisogno, ma bisogna rispettare i suoi tempi. Un aspetto totalmente in linea con la filosofia dello slow fashion e opposto alle logiche industriali che richiedono sempre maggiore velocità e materie prime a basso costo. Un capo di maglieria ‘Le Tintine’ non sarà mai identico ad un altro, in quanto in natura non esiste la ripetizione e l’uniformità. Sarà ricco di sfumature delicate che offrono una profondità di colore irripetibile a livello industriale. Il colore evolverà con il tempo, raccontando una storia che appartiene al capo ma anche al bimbo che lo indossa.

 

Ti abbiamo incuriosito? Scopri qui la collezione estiva Giallo Curcuma Le Tintine 

 

 

Alcune attività da fare con il nostro bimbo ispirate al processo di tintura naturale 

Per tutte le proprietà fin qui citate, la curcuma si presta benissimo anche come base per una serie di attività sensoriali da fare con i nostri bimbi. Anche se decidessero di assaggiarla, al massimo non ne gradirebbero il sapore! 

 

Tempere naturali

Mescolando la curcuma – come altre spezie – a farina, acqua e olio q.b. potrete creare una vera e propria tavolozza da artista con tempere ad olio totalmente naturali. Questi colori vi permetteranno di lavorare con il vostro bimbo non solo a livello visivo, magari cercando di abbinare la spezia al colore realizzato, ma anche olfattivo con i più grandicelli, giocando ad individuare la spezia utilizzata anche grazie al profumo. Prestate ovviamente attenzione al supporto da disegno e alla postazione di lavoro per via della componente oleosa e, neanche a dirlo tintoria, dei colori che realizzerete.

 

Timbrini

Potete utilizzare le tempere naturali anche con dei timbri, ovviamente sempre naturali. Vi serviranno solo delle foglie o frutta e verdura. Per evitare sprechi, è perfetto utilizzare la base del gambo delle coste con cui stampare degli splendidi fiori.

 

Pasta modellabile 

La curcuma può essere utilizzata anche come colorante per la pasta di sale. Aggiungendo la curcuma alla miscela di acqua, sale e farina, avremo creato una pasta modellabile totalmente naturale e coloratissima. Provate la paprika per ottenere la pasta di sale rossa, il caffè per il marrone, ecc. 

 

 

 

Questa preziosa spezia dal colore brillante, ci può venire in aiuto davvero in tantissimi modi!
E voi, avete mai sperimentato uno di questi suggerimenti?


Articoli correlati: